agosto: 2018
L M M G V S D
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

    Tutte le strutture del corpo manifestano quello che l’Osteopata percepisce come dei micro-movimenti coordinati al ritmo di 10/14 al minuto. Tali movimenti sono parti costituenti del Meccanismo Respiratorio Primario il quale si divide in due tempi:

    uno di andata e uno di ritorno alla posizione neutra di partenza. Per analogia alla respirazione diaframmatica, si parla di un tempo inspiratorio e un Tempo espiratorio cranio-sacrale.

    Nel tempo espiratorio tutte le strutture del corpo compiono un movimento di Flessione o Rotazione Esterna mentre nel tempo espiratorio compiono un movimento di Estensione o Rotazione interna.

    La dinamica cranio-sacrale è quella che l’Osteopata percepisce in tutte le parti del corpo sulle ossa, sui visceri, sui muscoli, sulle membrane della dura madre e sulle fasce.

    Tutti i movimenti cranio sacrali vengono prodotti in modo ritmico e involontario.

    La perdita o la limitazione di questi movimenti in una delle parti del corpo costituisce la disfunzione osteopatica con infiammazione neurogena e quindi dolore.

    L’Osteopata, individuata la disfunzione, ripristinerà il movimento in quella struttura, ricreando così il regolare scambio di sostanze  a livello nervoso e quindi il benessere.

    Lascia un Commento

    Il testo inserito non è corretto. Riprova.